La Biennale di Fotografia Femminile – Alessia Locatelli

Dal 3 al 27 marzo si svolgerà a Mantova la seconda edizione della Biennale Internazionale della Fotografia Femminile.
La riflessione di questa edizione ruota intorno a Legacy, un termine che riassume diversi concetti: significa LascitoEredità e tutto ciò che creiamo da trasmettere alle generazioni future che è estremamente rappresentativo di questa epoca attuale, così carica di cambiamenti, che vede il collettivo umano misurarsi con quello che gli è stato lasciato, agire con questo lascito nel presente per creare un futuro che sia forte ed equilibrato. Ne parliamo con Alessia Locatelli, Direttrice Artistica del Festival.

L’intervista

Alessia Locatelli nasce a Milano nel 1977. È direttore artistico dell’archivio Enrico Cattaneo e della Biennale di Fotografia Femminile di Mantova (marzo 2020). Ha coadiuvato la progettazione di alcune delle passate edizioni del SiFest e del Premio Canon, specializzandosi in fotografia e diventando Curatore indipendente nell’organizzazione di mostre con realtà sia pubbliche che private, in Italia e all’estero, mentre in parallelo continua l’attività di curatela e consulenza per artisti e fotografi. È firma di alcune riviste di settore e critico del Dossier Fotografia all’interno del “CAM, catalogo di arte moderna” (ex-Bolaffi) pubblicato dalla Editoriale Giorgio Mondadori – Gruppo Cairo.
Dal 2016 organizza ed insegna in corsi professionali per diventare Photocurator in scuole di fotografia ed in realtà indipendenti in tutta Italia. Partecipa come Folio-Reviewer in vari Foto Festival tra Italia e Svizzera ed è nel team organizzativo dell’edizione 2019 di Photolux Festival a Lucca. Si occupa inoltre di aiutare e coadiuvare gli autori nella scelta delle carte Fine Art e nei materiali di montaggio utili alla conservazione e alla vendita ai collezionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.